Gruppi di sostegno bambini e adolescenti

"La conoscenza dell’altro ha questo di speciale: che passa attraverso la conoscenza di sé stessi" – I. Calvino

Un fratello per amico

Un Fratello Per Amico

E’ un gruppo di sostegno attivo dal 2011 ed è rivolto ad adolescenti dagli 11 ai 18 anni che hanno , all’interno del nucleo famigliare, un fratello disabile.
La presenza di una disabilità in famiglia comporta una modificazione dei compiti evolutivi dei singoli e della famiglia stessa; il fratello che non presenta una disabilità può sperimentare stati d’animo molto diversi fra loro, ma l’ingresso nel periodo dell’adolescenza potrebbe andare a destabilizzare ulteriormente quegli equilibri che la famiglia e il ragazzo stesso hanno cercato di trovare nel corso degli anni.
Conduco questo gruppo insieme alla dott.ssa Laura Castaldini: le modalità di lavoro del gruppo sono quelle Psicodrammatiche.

team work

Stronger

Il gruppo si rivolge a ragazzi adolescenti dagli 11 ai 18 anni con difficoltà di apprendimento e bisogni educativi speciali .
L’adolescenza è un periodo di grandi cambiamenti, fisici, emotivi, congitivi e relazionali; in questo periodo quando la propria identità sociale si specchia nel gruppo dei coetanei,l’esibizione di una diversità ( ad esempio l’avere un DSA) è molto dolorosa e faticosa, e viene spesso mascherata con strategie di disinteresse, rifiuto e contestazione.
Questa fatica fa sì che anche altre altre cose risultino difficili (ad esempio le relazioni con i pari).
Conduco questo gruppo insieme alla collega ed amica Silvia Dima (psicologa e psicoterapeuta).

fratelli-litigano

Gli Incredibili

Il gruppo si rivolge ai bambini dai 6 ai 10 anni con difficoltà di gestione del comportamento: quei bambini che imparano a dirigere verso l’esterno, sotto forma di oppositività, impulsività, iperattività e rabbia, le loro emozioni. Questi bambini mettono a dura prova le sponde relazionali con le quali entrano in contatto, tutti coloro che, a vario titolo, li incontrano: in primo luogo, ovviamente, i genitori e i familiari, spesso provati e con una bassa percezione di sé in termini di autostima e di autoefficacia del loro ruolo genitoriale; poi gli insegnanti, i compagni e tutto il mondo della scuola, oltre ai diversi contesti educativi e servizi sanitari e sociali che frequentano.
Conduco questo gruppo insieme alla collega ed amica Silvia Dima (psicologa e psicoterapeuta).

Approfondisci le mie modalità di lavoro!

Ok
Share