La Gratitudine

Gratitùdine s. f. [dal lat. tardo gratitudo -dĭnis, der. di gratus «grato, riconoscente»]. – Sentimento e disposizione d’animo che comporta affetto verso chi ci ha fatto del bene, ricordo del beneficio ricevuto e desiderio di poterlo ricambiare (è sinon. di riconoscenza, ma può indicare un sentimento più intimo e cordiale)

Tempo fa sono stato colpito da questo video (purtroppo disponibile solo in inglese coi sottotitoli in inglese) in cui si chiedeva di “pensare alla personache aveva avuto un’influenza positiva nella loro vita e che aveva fatto qualcosa di meraviglioso per loro”.
In seguito si è chiesto loro di telefonare a quella persona e leggere ad alta voce le parole scritte poco prima.

https://www.youtube.com/watch?v=oHv6vTKD6lg
Quante volte pronunciamo la parola “Grazie” nel corso della giornata?
Alcuni di noi più spesso, altri meno.
Quante volte pronunciamo la parola “Grazie” con un senso di reale Gratitudine?

La ricerca sta investigando sempre di più sul legame tra la Gratitudine e la Felicità:
sembra che non sia la felicità a renderci grati, ma la gratitudine a renderci felici!

Perché?
Gratitudine significa provare grande pienezza, sentirsi compiuti apprezzando esattamente ciò che è in ogni momento, riconoscere il valore dell’Altro, farsi aperti e disposti a ricevere, a fare esperienza di ciò che la vita ci porta.

Come coltivare questo atteggiamento verso noi stessi e la nostra vita?
Un inizio può essere rappresentato da una semplice domanda da farsi quotidianamente:

“Che cosa ho ricevuto da________________________?”

Questa domanda aiuta a riflettere su tutti i “doni” che ho ricevuto, non materiali, ma sorrisi, azioni o parole gentili.
Forse la gratitudine ci ricorda che possiamo essere felici adesso!

3
Share

- Luca Leoncini